Ultime disposizioni urgenti Covid-19

Il DL n. 44 del 1° aprile 2021 (c.d. DL aprile) aggiorna le misure di contenimento del Covid-19 per il periodo 7-30 aprile 2021, con un rinvio generale al DPCM 2 marzo 2021, salvo quanto diversamente disposto dal decreto stesso.

Per effetto delle Ordinanze del Ministro della Salute, la regione Abruzzo è da considerarsi “zona arancione” dal 6 aprile, per cui, dal 7 aprile al 30 aprile, vi è consentito, in ambito comunale, lo spostamento verso una sola abitazione privata abitata, una volta al giorno, in un arco temporale compreso fra le ore 5:00 e le ore 22:00, e nei limiti di due persone ulteriori rispetto a quelle ivi già conviventi, oltre ai minori di anni 14 sui quali tali persone esercitino la responsabilità genitoriale e alle persone con disabilità o non autosufficienti conviventi.

Il DL n. 44 dispone, inoltre, che dal 7 aprile al 30 aprile è assicurato in presenza sull’intero territorio nazionale lo svolgimento dei servizi educativi per l’infanzia e dell’attività scolastica e didattica della scuola dell’infanzia, della scuola primaria e, per le “zone arancioni”, della scuola secondaria di primo grado. La disposizione di cui al primo periodo non può essere derogata da provvedimenti dei Presidenti delle Regioni e delle Province autonome e dei Sindaci. La predetta deroga è consentita solo in casi di eccezionale e straordinaria necessità dovuta alla presenza di focolai o al rischio estremamente elevato di diffusione del virus SARS-CoV-2 o di sue varianti nella popolazione scolastica.

Per le disposizioni di dettaglio e ogni eventuale approfondimento sulle norme di comportamento in “zona arancione” si rinvia al Capo IV (vedere da pagina 21 a pagina 24) del DPCM 2 marzo 2021 e ai relativi allegati, oltreché alla Circolare del Ministero dell’Interno del 6 marzo 2021 e alle FAQ del Governo.